4 tattiche per migliorare il Tuo posizionamento sul web

4 tattiche per migliore il vostro posizionamento sul web .

Mentre molte cose tendono a peggiorare nel tempo, i motori di ricerca tendono a migliorare, almeno per gli utenti :

cercano di dare agli utenti esattamente quello che vogliono

. Dall’altra parte chi segue il posizionamento nel mondo SEO deve lottare per rispettare le regole dei motori di ricerca che vengono impostate per dare il miglior risultato all’utente.

  • Parole chiave
  • backlinks
  • compatibilità mobile

e molti altri SEO must ormai sono entrati nelle nostre orecchie
quando il nostro cuore desidera qualcosa di

  1. fresco
  2. veloce
  3. e ardente

Così abbiamo pensato, perché non chiedere consiglio ai più esperti ?

Abbiamo sempre pensato ai tecnici specializzati a degli supereroi di SEO per tutte le tattiche SEO che molto spesso vengono e il loro consiglio è stato di concentrarsi sull’autorevolezza.

IL CONTENUTO

icon=”arrows” icon_color=”#3b86b0″ icon_size=”24px”]Nel raggiungimento della massima qualità in SEO occorre che essa sia realizzata con la qualità dei contenuti perché essa è molto importante.

È noto che il contenuto è cruciale per la classifica e tutte le strade di Google costruite di recente stanno arrivando in questo modo.

Tuttavia, questo concetto di qualità dei contenuti può sembrare così vago che in molti casi è difficile avviare l’analisi poiché le misurazioni non sono abbastanza chiare.

[/vcex_icon_box][/vc_column][vc_column width=”1/3″][vcex_icon_box heading=”SEMANTICA” heading_type=”h2″ icon=”arrows” icon_color=”#3b86b0″ icon_size=”24px”]

Quando chiediamo a un motore di ricerca di trovare qualcosa, come saprà cosa cercare se non è un essere umano?

L’algoritmo analizzerà un certo numero di fattori diversi, uno di essi è la semantica . Questa è una tecnologia che aiuta Google a comprendere la connessione tra parole, nozioni e pagine web. In quale modo?

Il motore di ricerca analizza tonnellate di pagine per il loro contenuto. Nel corso di questa analisi, impara le relazioni tra i termini e il contesto in cui appaiono di solito. Questo, a sua volta, consente di costruire aspettative su quali termini sono inclini ad apparire in un contesto specifico.

Usando quindi RankBrain,

Google sceglie i risultati in base a queste aspettative. Quindi, in tutto, per classificare meglio non è necessario utilizzare alcune parole chiave più e più volte. Devi costruire una nuvola di associazioni legate al tuo argomento principale e utilizzare deliberatamente le parole e i concetti di questa nuvola in tutto il tuo contenuto.[/vc_column_text][vc_column_text]Quindi, come essere sicuri che il contenuto completo influenza la classifica in qualsiasi modo? Controllalo. Backlinko ha fatto un grande studio (1 milione di risultati di Google) per misurare diversi fattori che potrebbero influenzare le SERP. Per questo particolare fattore di contenuto completo, hanno utilizzato MarketMuse per esaminare 10.000 URL da loro set di dati per “Autorità Topical”. Hanno scoperto che il contenuto che si concentra su un argomento approfondito si classifica molto più alti nelle SERP rispetto al contenuto poco profondo.

Vedete, l’ipotesi che Google preferisce i risultati con contenuti più completi è ora più che un’assunzione.[/vc_column_text][vc_column_text]Utilizzando la formula TF-IDF, è possibile trovare i termini e le nozioni necessari e come utilizzarli per migliorare la pertinenza e la classificazione della tua pagina web. Lo strumento TF-IDF di WebSite Auditor ricercherà i termini ei concetti nelle pagine dei tuoi concorrenti di primo livello. Poi seleziona i più importanti e rilevanti a seconda del loro utilizzo da parte dei concorrenti.[/vc_column_text][vcex_spacing][vc_row_inner][vc_column_inner width=”2/3″][vc_single_image image=”5459″][/vc_column_inner][vc_column_inner width=”1/3″][vc_text_separator title=”Che cosa è TF-IDF?” element_type=”div”][vc_column_text]TF-IDF è un termine breve per il termine frequenza-inversa formula di frequenza del documento che mira a definire l’importanza di una parola chiave o una frase all’interno di un documento o una pagina web. Questa formula è ampiamente utilizzata dai motori di ricerca per determinare il corpus di pagine web che sono rilevanti per una query di ricerca. Il più grande è il valore TF-IDF – più importante (importante) è la parola chiave del documento.[/vc_column_text][/vc_column_inner][/vc_row_inner][vcex_spacing][/vc_column][/vc_row][vc_row bg_style=”stretch” border_style=”solid”][vc_column][vc_column_text]

La cosa eccitante è che Bing, Google, Yahoo e Yandex si sono riuniti e, nonostante la loro concorrenza, hanno lanciato Schema.org , un marchio basato sulla specifica microdata. È fondamentalmente un formato uniforme che richiede la coerenza dei dati tra i motori di ricerca.

Anche se il markup di Schema è facile da implementare, sembra che alcuni siti web abbiano interesse a utilizzarlo. Secondo lo studio di SearchMetrics, meno di un percento di siti web stanno utilizzando il markup Schema:[/vc_column_text][vcex_spacing][vc_text_separator title=”Loyal Customers” title_align=”separator_align_left” style=”four” font_size=”18px” margin_bottom=”30px” element_type=”div”][vcex_image_grid columns=”5″ thumbnail_link=”none” img_filter=”grayscale” img_width=”500″ img_height=”500″ image_ids=”2166,1649,2168,2176,2177″][vcex_spacing][/vc_column][/vc_row]